giovedì 12 novembre 2009

Architettura a Valle Giulia


(Architettura sulla Lavatrice)


Nella facoltà di Architettura di Roma, Valle Giulia, è un po' di tempo che si usano nuovi ed efficacissimi metodi d'insegnamento.
Studiando bene l'edificio che ospita la facoltà (più che altro le parti modificate di recente) è facile imparare come NON si progetta!
Il blocco di travertino nella foto era stato posto in opera meno di 4 anni fa, a coronamento dell'aula detta "LAVATRICE" (in virtù dell'enorme oblò tramite il quale prende luce) che ospita di tanto in tanto mostre e che più spesso ancora a causa dell'improbabile sistema di smaltimento delle acque meteoriche allaga la zone di cortile coperta (o ti bagni la testa o i piedi.........il nuovo che allaga il vecchio...questa si che è arte)
Come mai i nostri professori perdono lezioni su lezioni a criticare chiunque, quando basterebbe guardarsi un po' attorno e criticare anche i loro vicinissimi e rispettabilissimi colleghi?
La foto che vi mostro è solo uno dei numerosi casi riscontrabili nella più antica (vecchia) scuola d'architettura d'Italia, l'ho scattata proprio questa mattina.....
"La cattiva architettura come le lumache vine fuori quando piove"
Certo è che quel blocco di travertino, con quell'involucro di caffè in copertura, in molti laboratori potrebbe essere considerato un plastico in scala 1:200 di un progetto da 30 e lode.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Carissimo, ma non lo sapevi che le lavatrici fanno acqua?
Marketto

Maurizio Arturo ha detto...

già..
I nuovi modelli si rompono dopo pochi anni, tirano sempre fuori difetti su difetti...
Mentre quelle di una volta duravano in eterno!
Povere massaie.